Pastiglie freni auto: usura, durata, fissaggio, tipo

0
299

L’impianto frenante del vostro veicolo è importantissimo. Questo infatti è un sistema complesso che deve sempre funzionare al meglio per garantire la massima sicurezza a tutti gli utenti della strada.

Scopriamo insieme qualche informazione per capirne il funzionamento di base e per sapere tutto ciò che vi serve sulle pastiglie freni.

Cosa sono le pastiglie freni

L’impianto frenante più comune è il sistema a disco.

Per permettere la decelerazione, si attua, grazie al pedale apposito, l’attrito tra pastiglie e dischi. È il vostro piede infatti che aziona una pompa idraulica che consente alla pinza freno di agire, mettendola in stretto contatto con i dischi e generando una grande forza d’attrito.

È questo il momento in cui inizia l’usura delle vostre pastiglie freni, ma anche degli altri componenti dell’impianto.

Controllo usura e durata pastiglie freni

Le pastiglie freni per auto (dette anche “pasticche freni”, pattini freno o guarnizioni di attrito) sono quindi indispensabili per la sicurezza stradale.

Ma dato che si consumano ad ogni vostra “pinzata”, quando è il caso di sostituirle? Quali sono gli aspetti che incidono di più sul loro consumo?

L’usura delle pastiglie freno dipende dallo stile di guida e varia in base ai vostri percorsi: il consumo urbano è diverso da quello autostradale, ad esempio.

Pensate a quanto spesso e come frenate: premete sempre a fondo il pedale ma per poco tempo, oppure avete costantemente il piede sul freno?

Prima di tutto, riflettete sul fatto che, anche in perfetto stato di efficienza, le pastiglie dei freni si scaldano, se troppo sfruttate, rendendo la frenata meno efficace. Questo è un problema conosciuto dai costruttori, che intervengono con le tecnologie adatte (come il raffreddamento).

In ogni caso è sempre bene non esagerare, sfruttando il freno motore ed il cambio.

Ricordatevi che, frenando spesso, bruscamente oppure all’ultimo momento, consumerete molto più velocemente le pastiglie e anche i dischi.

Una guida corretta è fondamentale per la sicurezza e per risparmiare!

Ma una volta migliorato lo stile di guida, resta il dubbio: quando sostituire le pastiglie freni dell’auto?

Quasi tutte le vetture di ultima generazione sono dotate di spie in grado di segnalarvi chiaramente l’usura delle pastiglie freni, tramite un sensore posto sulle stesse.

Se invece la vostra auto ha qualche anno, oppure non ne è provvista, non dimenticate che (in genere) le pastiglie dei freni vanno sostituite ogni 30.000 / 40.000 km, o comunque quando lo spessore (visibile ad occhio nudo) è inferiore ai 2 millimetri.

Ma per capire quando è il momento di sostituirle non serve solo contare i km oppure osservarle. Potrete infatti accorgervi che sono da cambiare quando noterete una frenata troppo lunga, o se avvertite un forte rumore metallico dalle ruote anteriori.

Dovrete fare un giro dal ricambista o dal meccanico anche se sentite un’eccessiva lunghezza della corsa del pedale del freno.

In tutti questi casi, se non effettuerete la sostituzione rischierete davvero di danneggiare i dischi freno, e la spesa, in questo caso, sarà molto più alta!

Dove si acquistano

Quasi tutti, per la sostituzione delle pastiglie freno si rivolgono ad officine che hanno la giusta strumentazione per svolgere il lavoro al meglio in tempi brevi. Ricordatevi che i freni sono importantissimi, ed un montaggio errato provocherebbe non pochi problemi!

Infatti, per provvedere al cambio delle pastiglie è necessario sollevare il veicolo, preferibilmente con un ponte. È vero che è possibile alzare l’auto con un classico crick, ma in questo modo il lavoro sarà molto più faticoso.

Innanzitutto, bisogna togliere le ruote, come per cambiare una gomma. Ora vedrete meglio la pinza del freno, fissata con dei bulloni e dotata di cappucci antipolvere da togliere con una chiave ad anello.

Diciamo che, in generale, cambiare da soli le pastiglie freno è un’operazione “semplice” su veicoli datati, ma negli altri casi è bene rivolgersi a professionisti.

Per questi motivi di solito è il meccanico, dapprima in base al modello di auto, e poi anche per l’utilizzo che ne fate, a consigliarvi le pastiglie adatte.

Ovviamente, anche online o nei negozi specializzati potrai trovare ogni genere di ricambio auto, tra cui le pastiglie. Dai grandi siti di e-commerce, a quelli delle officine, troverete ovunque le pastiglie adatte.

Ma se non dovete fare il lavoro, accordatevi sempre prima con un professionista per l’acquisto dei ricambi. Se i prezzi della manodopera non sono alti (ad esempio come capita nelle officine delle concessionarie), cambiare i freni non è mai molto costoso.

Ultime considerazioni:

  • ogni due cambi di pastiglie freni (quindi circa ogni 70.000/80.000 km) dovrete sostituire anche i dischi freno
  • dopo 24 mesi circa dovrete cambiare anche il liquido dei freni
  • i componenti dell’impianto frenante vanno sostituiti a coppie
  • ricordate che risparmiare sulle pastiglie dei freni auto non è mai una buona idea, con pochi euro in più vi potrete assicurare una durata ed una sicurezza maggiori

Tipologia pastiglie freno

Esistono diverse tipologie di pastiglie freni in base alla tecnologia e al materiale utilizzato per produrle. Vediamo quali tipologie esistono sul mercato.

Materiale polimerico: questo tipo di pastiglie a partire dagli anni 70 sono state ritirate dal mercato, il materiale era un composto di vari metalli con prevalenza di amianto.

Materiale “carbon-ceramico” : pastiglie prodotte con materiale ceramico e carbonio.

I vantaggi sono molti, ad elevate temperature la ceramica ha una forte resistenza e per questo resiste nel tempo senza deformarsi.  Le pasticche resistono anche all’ossidazione e hanno una vita molto piu’ lunga delle normali ( 300.000 km nel caso di uso quotidiano) .

pastiglie-freno-ceramica

Materiale “carbon-ceramico semimetallico”: sono simili alle pasticche in carbon ceramico ma in aggiunta viene utilizzato anche il rame.

Materiale sinterizzato: la pasticca e’ prevalentemente costruita utilizzando il rame, metallo che ne aumenta la durata e la forza frenante.

pastiglie_freno_sinterizzate

Multimateriale: le pasticche sono formate da materiali e tecniche diverse.

pastiglia multimateriale

Fissaggio pastiglie freni

Il fissaggio delle pastiglie dei freni è importante! Ma cos’è?

Il fissaggio della pastiglia è il metodo di “montaggio” della stessa, e serve per evitare che questa fuoriesca dalla pinza freno, permettendo comunque il movimento al suo interno.

Per fissare la pastiglia si può procedere in questi modi:

  • vite – metodo ormai in disuso, la pastiglia viene avvitata sul pistoncino della pinza freno
  • perni – il metodo in cui, tramite dei perni che attraversano i fori della pastiglia, la pinza viene fissata e poi bloccata in genere con dadi autobloccanti
  • monoperno – si utilizza un solo perno per fissare la pinza nella parte superiore (a volte c’è anche una molla a lamella) o il perno è posto lateralmente (soluzioni miste) scorrendo su una guida
  • multiperno – ovviamente in questo metodo di fissaggio sono presenti due perni (a volte tre)
  • guida esterna – con questo metodo si usa una guida o delle piastrine guida per mantenere la pastiglia perfettamente ferma (pinze freno flottanti
  • misto – utilizza sistemi misti e singoli

Una volta fissate, si procede con un giro di prova e rodaggio, e se tutto ok potrete ricominciare a circolare.

Conclusioni

Ricordate quindi che osservare lo stato delle pastiglie dei freni è uno dei passaggi fondamentali tra le operazioni svolte con il tagliando auto, mentre non è oggetto di verifica per la revisione.

Quindi, girare con un impianto frenante in ottimo stato è un vostro compito. Facendo ciò potrete guidare in piena sicurezza stradale e senza rischiare incidenti ed altre conseguenze.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui