Noleggio auto: come funziona, lungo e breve termine

0
179

Un autonoleggio (o noleggio auto) è una società che affitta automobili. Le variabili sono diverse, dalla durata del contratto (da poche ore ad anni), al modello dei veicoli trattati, alla tipologia di clienti, alla scelta delle garanzie.

Scopriamo come funziona il noleggio auto.

L’autonoleggio

Spesso le società di autonoleggio hanno numerose sedi. Sono posizionate soprattutto nei pressi di aeroporti, porti e stazioni, ma di sicuro le troverete anche nelle grandi città. A volte, sono concessionarie od officine ad offrire il servizio, ma la rapidità e la scelta saranno ridotte.

Noleggio auto a breve termine

La maggior parte delle società offrono anche servizi di prenotazione e gestione del noleggio auto online.

Gli utenti sono spesso persone come turisti, ma anche viaggiatori per lavoro. In ogni caso, sono persone che per i motivi più disparati non dispongono dell’automobile. Le agenzie offrono servizi extra, garantendo vetture con tutti i comfort (GPS, telepass, seggiolini per bambini, ecc).

Breve storia del noleggio auto

La prima notizia riguardante il noleggio auto è del 1904. La prima società di autonoleggio è stata la tedesca Sixt, fondata nel 1912. All’apertura, aveva 3 auto disponibili.

Ma queste società si svilupparono in fretta: per la famosa Ford Model T, Joe Saunders di Omaha (Nebraska) iniziò nel 1916. Un anno dopo la sua compagnia aveva 18 Ford Model T. Il prezzo era di 10 cent/km ed il nome della società fu Saunders drive-it–yourself (successivamente Saunders Sistem). Questa, che nel 1926 operava in 56 città, venne acquistata dall’Avis nel 1955.

Con lo sviluppo, arrivano i concorrenti: il primo fu la Walter L. Jacobs (Chicago), aperta nel 1918 con 12 Ford Model T. Questa fu acquistata nel 1923 da John Hertz.

Come funziona

In genere, le aziende che operano nel settore del noleggio auto sono proprietarie di flotte di veicoli. Questi vengono affittati o concessi in leasing, sia a privati che ad altre aziende.

La flotta può essere:

  • di proprietà dell’azienda (veicoli a rischio perché l’azienda non sa se il veicolo sarà rivenduto)
  • affittata
  • parte di un programma buy-back attraverso un produttore o un braccio finanziario del costruttore (veicoli riacquisiti)

Uno dei punti chiave del business delle società di noleggio è il rinnovamento della flotta. Per fare ciò sfruttano la possibilità di acquisto diretto dell’auto da chi l’ha noleggiata, mettono all’asta i veicoli o li inseriscono in un programma di vendita.

Noleggio auto modelli

Un esempio, in questo caso, è quello di Hertz, che ha da poco inserito il programma Hertz Rent 2 Buy. Con questo programma la società di autonoleggio vende a prezzi di occasione alcuni mezzi per rinnovare la sua flotta auto.

I mezzi disponibili vanno dalla city car, al furgone, dall’auto di lusso al camion. Sono disponibili anche scooter e moto. Sempre più spesso sono poi offerti modelli di prestigio, anche elettrici o ibridi. Alcune società sono specializzate nell’affittare auto storiche, come ad esempio Rent-a-Wreck.

L’Associazione di autonoleggio (ACRISS) ha sviluppato il sistema di codifica ACRISS Car Classification Code. Questo permette una classificazione uniforme per confrontare i prezzi di noleggio auto. Descrive infatti la dimensione, il numero di porte, il tipo di cambio (manuale / automatico), l’aria condizionata (codificata in 4 lettere).

Sono molteplici le aziende che operano in questo settore, le principali sono:

  • The Hertz Corporation
  • Avis Rent a Car System
  • Sixt Autonoleggio

Noleggio auto a lungo e a breve termine

Esistono 3 formule per poter noleggiare un’auto senza conducente:

  • il noleggio a breve termine – può durare da poche ore a 6 mesi, con prezzo variabile in base alla durata, al modello di auto, agli optional richiesti, ai km percorsi
  • a lungo termine – dura dai 6 mesi ai 5 anni
  • leasing – tramite un pagamento rateizzato concede di riscattare il mezzo al termine del contratto

Nello specifico, il noleggio auto a lungo termine è una pratica molto sfruttata dai professionisti con partita Iva perché rappresenta l’alternativa all’acquisto di un’auto da usare per l’attività aziendale.

Noleggio auto a lungo termine

Negli ultimi tempi le cose sono però cambiate. Infatti ad oggi molte società danno questa possibilità anche ai privati, grazie al semplice codice fiscale.

Il requisito fondamentale per entrambe le categorie è principalmente uno, cioè rispettare la sostenibilità della spesa. Le aziende devono mostrare il bilancio annuo, mentre i privati la busta paga.

Si paga infatti una quota mensile fissa, per un periodo determinato; inoltre, c’è una percorrenza complessiva da mantenere entro una soglia prefissata (solitamente al massimo fino a 80.000 Km).

Questa copre l’utilizzo del veicolo, comprensivo di:

Restano quindi escluse solo multe, parcheggi, pedaggi e carburante.

Il periodo di noleggio varia tra i 24 ed i 48 mesi. Alla fine, inoltre, il veicolo può essere riscattato ad un prezzo prefissato. In pratica, con il noleggio auto a lungo termine si acquista l’uso dell’auto invece che la sua proprietà.

Per questo, bisogna valutare bene la convenienza soggettiva. Scegliere la formula NLT permette di liberarsi di una grossa spesa per l’acquisto di un veicolo che si svaluterà, e dei fastidi derivanti dalla proprietà (ricordare scadenze fiscali e normative, le sorprese del costo della manutenzione una volta terminata la garanzia).

Incidente con auto a noleggio

Le auto a noleggio di solito hanno una polizza base composta da CDW (Collision Damage Waiver, cioè Limitazione della Responsabilità per Danni), Protezione Furto e Responsabilità Civile.

Se la carrozzeria viene danneggiata durante il noleggio, la CDW coprirà i costi. Solitamente alla firma del contratto si visiona la vettura e si segnalano eventuali difetti, proprio per dichiarare le condizioni del veicolo.

In caso di incidenti stradali, dovrete contribuire economicamente con la franchigia (solitamente tra i 500 e i 2.500 euro). In genere questa viene trattenuta dal deposito cauzionale che lasciate al momento del ritiro.

Se invece l’auto viene rubata, la polizza Protezione Furto coprirà il costo di un’auto nuova (anche qui, dovrete contribuire). Se ad esempio colpite l’auto di qualcuno, o la staccionata del vicino, interverrà la Responsabilità Civile.

Ma la buona notizia è che ci sono tante altre possibilità per aggiungere più copertura assicurativa. Se noleggiate il veicolo e non avete un ricovero, vi converrà ad esempio sincerarvi che sia coperto da un’assicurazione cristalli oppure contro la grandine.

Spesso le cifre da aggiungere sono minime, ma vi toglierete un pensiero ed un problema. Chiedete quindi di visionare i pacchetti extra durante la prenotazione dell’auto, prima del ritiro o al desk.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui