Leasing auto – il contratto, i destinatari e le tipologie

0
219

Il leasing auto è una forma di contratto per acquistare un veicolo approfittando, oltre al resto, del recupero di IVA e di una parte della spesa. Ma è sfruttabile anche dai privati? Sì, ma con alcune limitazioni che spiegheremo nell’articolo.

Leasing auto

Il leasing auto

Il leasing è a tutti gli effetti un contratto in cui una parte detta concedente, permette ad un utilizzatore il godimento di un bene per un periodo di tempo prefissato con un corrispettivo in denaro in modo periodico. Inoltre, l’utilizzatore ha anche la facoltà di acquistare la proprietà del bene alla scadenza del contratto.

Solitamente, il leasing è una forma di finanziamento destinata all’acquisto di beni produttivi, automezzi ed immobili per l’attività d’impresa, e si rivolge ad una clientela rappresentata da:

  • tutti i tipi di imprese
  • pubblica Amministrazione
  • professionisti
  • artigiani

Il leasing è un servizio estremamente flessibile che offre al cliente molteplici combinazioni (durata, periodicità, importo dei canoni, valore di riscatto del bene, ecc). Inoltre, presenta tempi rapidi di istruttoria, permette il finanziamento dell’intero costo con il frazionamento dell’IVA sulla durata contrattuale e mantiene la disponibilità di ulteriori linee di credito.

Non ultimo, ma forse fondamentale, è l’accesso ad incentivi e contributi pubblici e la deducibilità dei canoni di leasing ed IVA.

Contratto Leasing

Per essere valido, il leasing deve essere stipulato con un vero e proprio contratto. Ma da chi? E quali sono gli elementi che lo caratterizzano?

In qualità di concedente in un contratto potrai trovare:

  • società finanziarie
  • banche

    Leasing auto per tutti
  • intermediari finanziari

L’utilizzatore invece può essere:

  • un’associazione
  • enti pubblici
  • consumatori
  • un’impresa
  • un professionista
  • agenti e rappresentanti

Una volta stabiliti i soggetti implicati possiamo vedere i principali elementi che comporranno il contratto:

  • il pagamento del fornitore
  • l’importo del canone
  • eventuali servizi accessori forniti dalla società concedente
  • il costo del bene
  • la descrizione
  • la durata del contratto
  • l’anticipo
  • il valore di riscatto del bene

I canoni sono stabiliti in fase di contratto e saranno al netto della maxirata, cioè dell’anticipo iniziale e del riscatto. La nuova normativa leasing (124/2017) detta le nozioni del leasing finanziario e prevede che in fase di dichiarazione dei redditi si possa scaricare il 100% dei canoni.

I documenti necessari varieranno a seconda della forma giuridica dell’azienda. Ad esempio per una ditta Individuale bisognerà presentare:

  • documento d’identità e codice fiscale del titolare
  • eventuale Business-plan dell’investimento
  • offerta definitiva dei fornitori
  • iscrizione C.C.I.A.A. (meno di 3 mesi)
  • copia delle ultime 2 dichiarazione dei redditi

I requisiti dell’azienda invece sono:

  • regolare iscrizione in camera di commercio
  • partita iva attiva da più di 12 mesi
  • risoluzione di eventuali situazioni creditizie problematiche

Leasing operativo

Per capire la differenza tra leasing finanziario e leasing operativo è essenziale capire alcuni punti. Il leasing finanziario è un contratto con il quale il concedente, che possiede o acquista un bene, lo mette a disposizione dell’utilizzatore con il pagamento di un canone.

Leasing o acquisto auto?

Gli attori implicati sono 3:

  • il costruttore del bene
  • il concedente
  • l’utilizzatore

Il leasing operativo è invece un contratto col quale il produttore di un determinato bene ne concede il godimento ad un utilizzatore con il pagamento di un canone (commisurato al valore d’uso del bene) e ne detiene l’onere della manutenzione.

Le differenze principali tra il leasing finanziario e operativo stanno quindi nel numero dei soggetti implicati (tre contro due) e su chi sosterrà le spese di manutenzione del bene.

Leasing auto a privati

Se è vero che sono solitamente i titolari di partita IVA a godere di numerosi vantaggi connessi al leasing auto, anche per i privati il leasing auto può essere conveniente. Possibilità allettante specialmente per chi cambia spesso la propria vettura, perché non dovrà preoccuparsi della svalutazione.

Ai privati spesso sono offerti contratti di leasing standard, variabili in base all’inclusione (o meno) delle spese vive. Il leasing auto a privati è un fenomeno in crescita.

Con il leasing si abbinano i vantaggi di un classico finanziamento con i pregi del noleggio a lungo termine, un punto di incontro tra la compravendita e il noleggio.

Leasing auto senza anticipo

Ecco cos’è, in pratica, il leasing auto senza anticipo, così di moda e pubblicizzato negli ultimi anni da molti costruttori, anche di marchi prestigiosi.

Questa tipologia contrattuale vi consente di prendere possesso di una vettura nuova noleggiandola per un lungo periodo di tempo, e di inserire nel canone mensile anche tutte le spese come manutenzione, bollo o assicurazione. Inoltre, a fine contratto, potrete sempre scegliere se riscattare o meno la vettura con il pagamento di una maxirata finale.

Le rate del leasing auto senza anticipo sono tutte uguali e quindi il canone mensile sarà fisso. In più avrete l’occasione di cambiare il vostro mezzo con una certa frequenza (solitamente ogni 2 d’anni).

Per procedere con il leasing dovrete richiedere un preventivo, spesso anche via internet. Controllate le voci della proposta come durata e percorrenza, prezzi ed offerte.

La convenienza del leasing auto a privati è nascosta nei dettagli:

  • durata (in mesi)
  • limite chilometraggio
  • anticipo e canone mensile
  • polizza Rca ecc.
  • tassa automobilistica
  • tagliandi

Posto questo, il leasing vi converrà se:

  • dovete/volete cambiare auto ogni 2/3 anni
  • non volete immobilizzare il vostro capitale
  • non volete occuparvi delle spese di manutenzione e bollo

Potrebbe invece non essere conveniente se:

  • ci sono alte spese di apertura istruttoria e costi di finanziamento
  • ci sono limiti nel chilometraggio o vincoli a guidatori terzi (forzarli comporterà sanzioni)
  • non avete intenzione di cambiare spesso l’auto

La decisione, con molti più dati sotto agli occhi, sta a voi.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui