Ferrari FXX K – meccanica, estetica e versioni

0
171

La Ferrari FXX K è una vettura sviluppata dalla Ferrari. In realtà è un prototipo nato come erede della Ferrari FXX. Quest’auto fa parte del programma di ricerca e sviluppo Ferrari studiato per creare vetture con altissime prestazioni non vincolate dall’omologazione stradale.

Scopriamo insieme le sue caratteristiche e le ultime novità in questo articolo.

Ferrari FXX K: cos’è?

Lo step K (da qui Ferrari FXX K, dove la “K” sta per Kers), ha lo scopo di testare la tecnologia ibrida, sviluppata per la prima volta in tutta la lunga e prestigiosa storia dell’azienda di Maranello. La tecnologia Kers permette il recupero dell’energia cinetica per garantire la massimizzazione delle performance in pista.

La vettura non rispetta alcuna omologazione e non è idonea all’utilizzo nelle competizioni. In ogni caso, è vincitrice del premio Red Dot Best of the Best 2015 (design di altissima qualità) e del Compasso d’oro 2016 consegnato a Flavio Manzoni, cioè il suo designer.

Il veicolo è stato presentato ufficialmente alle Finali mondiali Ferrari 2014 ad Abu Dhabi con il capo dei collaudatori di Maranello, Raffaele De Simone.

Ferrari FXX K ad Abu Dhabi

 

È stato destinato a pochissimi clienti-collaudatori (40) selezionati direttamente dalla Ferrari.

Questi facoltosi fortunati (spendendo 2 milioni e 500.000 euro – tasse escluse) hanno così potuto testare le soluzioni tecnologiche applicate su questa vettura unica, in un programma di 2 anni.

Quest’automobile è servita a sviluppare soluzioni elettroniche, aerodinamiche, meccaniche e dinamiche della scuderia, direttamente nei campionati GT, Endurance e Formula 1, senza sottostare però ai vincoli delle omologazioni.

La Ferrari FXX K è dunque un’automobile innovativa, sia nel design che nelle soluzioni tecniche, e nasce dal Reparto Progetti Speciali della Ferrari.

Scheda tecnica

Con un Cambio F1 doppia frizione a 7 marce, sospensioni anteriori a triangoli sovrapposti (posteriori Multilink) e freni carbo-ceramici Brembo, raggiunge il top in tutte le sue dotazioni. Non per niente è considerata il Mostro della casa di Maranello.

Non sono da meno i pneumatici, cioè i Pirelli P Zero creati appositamente per la sperimentazione e dotati di un preciso sensore in grado di comunicare al pilota, via radio ed in tempo reale, il comportamento della gomma su varie condizioni di asfalto.

SistemaKers Motoretermico Dimensioni e peso
Potenza complessiva max 1050 cv Tipo V12, 65° Lunghezza 4896 mm
Coppia complessiva max >900 Nm Alesaggio e Corsa 94 x 75,2 mm Larghezza 2051 mm
Potenza motore termico* 860 cv @9200 rpm Cilindrata totale 6262 cm3 Altezza 1116 mm
Regime massimo 9250 rpm Potenza specifica 137 cv/l Passo 2650 mm
Coppia motore termico 750 Nm @6500 rpm     Distribuzione dei pesi 41% ant, 59% post
Potenza motore elettrico 140 Kw (190 cv)      

 

Sono inoltre presenti i seguenti sistemi di controllo elettronici:

  • ESC – controllo elettronico stabilità
  • ABS prestazionale
  • Ripartitore elettronico di frenata
  • EF1-Trac – controllo di trazione F1 integrato al sistema ibrido
  • E-Diff 3 – terza generazione del differenziale a controllo elettronico
  • SCM-E Frs – controllo magnetoreologico sospensioni a doppio solenoide Al-Ni tube

Meccanica

La Ferrari FXX K dispone di 1050 cv complessivi.

Ferrari-FXX_K-motore

Di questi, 860 sono erogati dal motore termico V12 e 190 cv dal motore elettrico (con oltre 900 Nm di coppia massima totale). Il suo V12 da 6262 cm3 è stato inoltre ottimizzato per l’utilizzo in pista.

Ciò vale anche per il sistema HY-KERS gestibile con il manettino con queste 4 posizioni:

  • Qualify – massima prestazione / numero limitato di giri
  • Long Run – costanza della performance
  • Manual Boost – erogazione istantanea della massima coppia
  • Fast Charge – ricarica rapida batteria

La Ferrari FXX K offre uno scatto da 0 a 100 km/h in meno di 3 secondi: sulla pista di Fiorano ha fatto registrare un tempo sul giro di 1’14” contro gli 1’19” della LaFerrari.

Estetica ed aerodinamica

Rispetto a quello della vettura stradale di derivazione, il coefficiente di carico verticale della Ferrari FXX K è stato aumentato del 75%. Il valore di carico arriva a 640 kg a 200 km/h e supera gli 830 kg al raggiungimento della velocità massima della vettura.

Grazie all’impiego di un’ala fissa a profilo biplano sul retrotreno ne è stato aumentato il livello. In questo modo i campi di pressione sviluppati dai 2 sistemi di generazione di carico si sostengono, amplificandosi a vicenda.

La dinamica dell’auto beneficia, come dicevamo, dell’introduzione di pneumatici slick Pirelli P Zero sensorizzati: essi consentono il miglior monitoraggio dell’accelerazione longitudinale, laterale e radiale (oltre ovviamente a temperatura e pressione).

L’accurata analisi dell’interazione tra gomma ed asfalto arricchisce il traction control con preziosi dati per ottenere le massime prestazioni.

Versioni

Nell’ottobre 2017 è stata presentata la Ferrari FXX-K Evo, evoluzione della FXX-K. Questo implemento ha certamente prolungato la “vita” della FXX K.

Ferrari FXX K Evo

L’auto mantiene lo stesso motore adottando nuove soluzioni stilistiche, oltre che aerodinamiche, in grado di migliorarne le prestazioni, grazie ad una maggiore lavorazione della fibra di carbonio.

La modifica più evidente è certamente il nuovo alettone posteriore fisso con profilo biplano ed una pinna per ottenere la deriva verticale e supportare 3 generatori di vortici a delta.

È stato oggetto di modifica anche l’estrattore e sul frontale sono stati scavati i fianchi del paraurti per alloggiare una coppia di flick con bandella verticale.

Ultime News Ferrari FXX K evo e Pirelli

La Ferrari FXX K Evo era l’arma assoluta di casa Ferrari, essendo l’evoluzione della
più estrema track-car concepita dalla casa del cavallino rampante.

La FXX K più cattiva debuttò 2 anni fa, ma Top Gear ha pizzicato un
esemplare camuffato ad aprile 2019, mentre provava al Nürburgring. Ma di cosa si tratta?

Ferrari FXX K Evo come possibile prototipo camuffato

Le camuffature sulla carrozzeria fanno notare ben poco di diverso, tranne uno splitter
anteriore più pronunciato. Ma chissà su cosa puntano i tecnici: noi sappiamo solo che sarà certamente pazzesca, quando ci verrà mostrata.

Arrivando poi a luglio, è di pochi giorni fa la notizia che la speciale gomma Pirelli P Zero numero 10.000 è stata esposta durante i Ferrari Racing Days al Nürburgring. Questa è stata realizzata per le Ferrari dei Programmi di Corse Clienti più esclusivi, cioè FXX, FXX K e 599XX (anche nelle versioni Evo).

Pirelli P Zero Ferrari FXX K Evo Ferrari Days

Queste vetture, anche oltre i 1.000 CV, necessitano di pneumatici in grado di scaricare a terra tutta la loro potenza in sicurezza. Per questo dal 2011 i pneumatici Pirelli P Zero garantiscono un’impronta a terra più omogenea di quella dei loro predecessori, anche quando la nuova ala genera il massimo carico.

È così che garantiscono un’ottima stabilità con le stesse prestazioni su circuiti ed asfalti completamente diversi tra loro. Anche a testimonianza di questa loro caratteristica, il calendario 2019 è iniziato a febbraio sulle curve del Bahrain e vedrà la sua conclusione sui saliscendi del Mugello a fine ottobre.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui