Assicurazioni auto – sanzioni, rivalsa, clausole

0
330

Quando parliamo di assicurazioni auto, conosciute anche con l’acromico di RCA (Responsabilità Civile Auto), intendiamo il contratto che l’assicurato stipula con la compagnia di assicurazione in modo tale che in caso d’incidente questa possa pagare i danni, anche fisici, causati a terze persone dal veicolo. Questo accordo stipulato tra le due parti viene sancito dal cosiddetto premio annuale, che l’assicurato dovrà pagare annualmente.

Inoltre quando si stipula un contratto assicurativo è anche possibile applicare alla propria RC un’assicurazione aggiuntiva che si distingue da quella classica. Parliamo della polizza Kasko che non solo in caso di sinistro copre tutti i danni causati a terzi ma risarcisce anche il conducente qualora questo venga coinvolto in un incidente in solitaria.

Controlli assicurazioni auto e sanzioni

Negli ultimi anni i controlli per verificare che le automobili in circolazione sulle strade siano coperte da una assicurazione si sono intensificati. Infatti in città da qualche tempo le telecamere poste nelle zone centrali oltre a gestire l’ingresso nell’area ZTL, ovvero controllare che accedano solo i veicoli autorizzati, aiutano anche le autorità ad accertare che i mezzi di trasporto abbiano l’assicurazione.

Qualora si ci metta alla guida di un’automobile sprovvista di assicurazione si rischia di andare incontro a una sanzione amministrativa che può andare dagli 841 ai 3.248 euro. Inoltre il codice della strada prevede anche il sequestro del mezzo di trasporto che avrà durata fino a quando il proprietario non stipulerà una nuova polizza assicurativa. Invece nel caso in cui la multa, gli oneri di trasporto e custodia non verranno pagati si incorrerà nella confisca dell’autoveicolo.

Franchigia significato e clausole

Con l’utilizzo del termine franchigia all’interno dell’ambito assicurativo si intende una certa somma di denaro che è a totale carico dell’assicurato. In altre parole qualora si verifichi un sinistro stradale il pagamento della franchigia deve essere pagato interamente dal contraente della polizza. Generalmente questa somma ha un importo prestabilito e, normalmente, si aggira quasi sempre intorno a un minimo 500 fino a un massimo di 2.000 euro.

Qualora sia presente la clausola della franchigia questa viene stabilita nel momento in cui tra le due parti viene stipulato il contratto RCA. Può anche essere prevista nella polizza ARD come ad esempio Kasko, furto o incendio, quindi questo vuol dire che in caso di incidente la compagnia assicurativa avrà l’onere di coprire tutti i danni causati a terze persone ma premunendosi in un secondo momento di richiedere al proprio assicurato il rimborso della somma prestabilito in precedenza.

Invece nelle polizze del Ramo Rischi Diversi la clausola della franchigia prevede che se i danni causati da un sinistro hanno un costo inferiore rispetto alla somma prestabilita allora la compagnia assicurativa non avrà nessun obbligo di elargire nessun risarcimento, mentre se l’importo supera la soglia minima allora l’assicurazione garantirà la copertura del pagamento eccedente.

Rinuncia alla rivalsa

Nelle assicurazioni auto il diritto di rivalsa è una clausola che viene inserita al momento in cui si stipula la polizza e consiste nel dare alla compagnia di assicurazione il diritto di rivalersi sul proprio assicurato qualora questi assuma un comportamento non corretto, ovvero nel caso in cui caso al contraente verrà riconosciuta la cattiva condotta e di conseguenza ritenuto responsabile del danno gli verrà richiesto da parte dell’assicuratore il pagamento dell’intero importo del risarcimento erogato.

Quando si stipula un nuovo contratto di assicurazione, oppure al rinnovo dello stesso, è possibile fare richiesta di una polizza con opzione di rinuncia alla rivalsa, in questo modo il contraente eviterà di dover pagare di tasca propria i danni nei casi in cui l’assicuratore ha il diritto di poter applicare il diritto di rivalsa.

Massimale RCA

Al momento in Italia il massimale RCA minimo garantito è di 6.070.000 euro per i danni causati alle persone e di 1.220.000 euro per i danni causati alle cose, quindi qualora il risarcimento dovuto abbia un costo superiore l’assicurato dovrà provvedere a pagare di tasca propria, però la compagnia assicurativa consente tramite il pagamento di un premio assicurativo più alto di avere dei massimali maggiori.

Opzioni aggiuntive

Tra le varie opzioni aggiuntive che in caso di auto nuova o di valore sono molto utili,  ricordiamo l’assicurazione contro il furto, contro gli atti vandalici ed contro gli eventi atmosferici (grandine, ecc).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui